Viaggiare sicuri USA: restrizioni ai viaggi negli Stati Uniti -febbraio 2021-
Travel Magazine

Viaggiare sicuri USA: restrizioni ai viaggi negli Stati Uniti -febbraio 2021-

Siamo già a un mese dal 2021 e non molto è cambiato in termini di situazione epidemiologica, in generale nel mondo e, nel dettaglio oggi, vedremo negli Stati Uniti – viaggi USA-.

Dopo il suo insediamento il 20 gennaio, il presidente Joe Biden ha avviato il colossale compito di distribuire adeguatamente i vaccini COVID-19 in tutta l’Unione, ma abbiamo ancora molta strada da fare prima che siano disponibili per tutti.

Con questo in mente, non dovrebbe sorprendere che molti stati degli USA, mantengano le loro restrizioni sui viaggi interstatali, proprio come in Italia fra le regioni e in generale in Europa, applicando giorni di quarantena obbligatoria e test e tamponi ai viaggiatori fuori dallo stato, tutto nel tentativo di tenere sotto controllo la diffusione del virus (comprese nuove varianti più preoccupanti) nelle loro comunità.

Gli esperti non sono ancora certi se coloro che sono stati vaccinati siano in grado di trasmettere COVID-19 oppure no, o se la loro nuova immunità li renda anche incapaci di diffondere il virus. Quindi, vaccinati o meno, i locali e i visitatori sono ancora istruiti su tutta la linea a indossare mascherine –ora rese obbligatorie dal nuovo governo Baiden e che adesso rischiano multe fino a 1.500 dollari-, distanza sociale e obbligo di seguire i protocolli di igiene adeguati.

In sostanza, sembra che ci vorrà ancora un po’ prima che il viaggio interstatale inizi davvero ad aprirsi, e questo è importante se progettavi una vacanza , consulta sempre siti e Blog o la pagina ufficiale di Viaggiare sicuri USA.

Ma per chi viene da fuori gli Usa, o meglio dall’Europa e prevede un viaggio in America?

Non hai bisogno di consigli di viaggio per quest’ anno: hai bisogno di una guida di sopravvivenza.

Cit. by me

“Tutto può succedere quando sei in viaggio”, afferma Daniel Durazo, portavoce di Allianz Travel . Anche essere costretto a tornare indietro, se viaggi in questo periodo. Peggio ancora, rimani bloccato nel limbo, non raggiungi la meta e non torni indietro.

Ma vediamo cosa dicono dai piani alti sugli Stati Uniti D’America.

Lettura consigliata: Google Maps in viaggio: alcuni consigli per usarlo al meglio

VIAGGIARE SICURI USA: COVID-19. LIMITAZIONI ALL’INGRESSO PER VIAGGIATORI DA PAESI UE.

È tuttora sospesa la possibilità di ingresso negli USA per i viaggiatori che, nei 14 giorni precedenti, siano stati in un Paese dell’Area Schengen (inclusa d all’Italia), in Regno Unito, in Irlanda, in Brasile, in Sud Africa Cina o Iran.

Sono previste alcune eccezioni al divieto di ingresso (cittadini statunitensi e residenti permanenti o i loro familiari, titolari di visto diplomatico e altri).

Le eccezioni per quanto riguarda un viaggio u.s.a. interessano anche i titolari o i richiedenti determinate tipologie di visto, che potranno rientrare nella categoria di ingressi definiti dalle autorità locali di ‘interesse nazionale’.

Per maggiori dettagli in merito alle categorie di persone la cui attività può classificarsi di interesse nazionale, consultare la sezione Situazione Sanitaria di questa Scheda.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha stabilito, a partire dal 26 gennaio, la necessità di un test Covid di tipo virale (PCR o antigenico) effettuato non oltre i 3 giorni prima della partenza, per tutti i passeggeri, al di sopra dei 2 anni, in arrivo negli USA con voli dall’estero.


Le compagnie aeree eseguono il compito di verificare – come condizione essenziale per l’accesso a bordo dei passeggeri diretti negli USA – la documentazione cartacea o elettronica che attesti l’effettuazione del test e il relativo esito negativo o, in alternativa, un documento che comprovi l’effettiva guarigione dal Covid o di essere stato sottoposto a vaccino.
La prova di vaccinazione non viene considerata sufficiente adesso però,
e resta quindi necessaria la prova del test o il documento di effettiva guarigione.
Le suddette disposizioni si applicano a tutti i tipi di voli per gli Stati USA.

Per i connazionali che già si trovano negli Stati Uniti si raccomanda di seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorità federali, statali e locali volte a contenere la diffusione del virus negli USA, nei singoli Stati ed al livello locale.

Le prescrizioni sulla quarantena possono variare da Stato a Stato e possono essere previste disposizioni ai viaggi da uno stato all’altro in funzione delle rispettive situazioni epidemiologiche.

VIAGGIARE SICURI USA, INOLTRE SUI VIAGGI-USA:
Continua quindi la sospensione del rilascio si alcuni visti dagli USA, delle seguenti categorie di rischio:
a) Visti H1B: personale altamente specializzato con un elevato livello d’istruzione. In questa categoria rientrano anche progetti di ricerca e sviluppo governativi o progetti di cooperazione gestiti dal Dipartimento della Difesa statunitense;
b) Visti H2B: lavoratori non agricoli con contratto temporaneo o stagionale.
c) Visti di categoria J, con l’eccezione di: coloro che intendano seguire corsi professionali nel campo medico e paramedico; i visitatori internazionali; professori che devono insegnare o frequentare corsi superiori di specializzazione e studiosi nel campo della ricerca; studenti di breve periodo, studenti di scuola secondaria o universitari.
Visti L: personale trasferito all’interno di una stessa società che durante i tre anni precedenti Uniti, con mansioni manageriali, direttive o altamente specializzate. E ‘questa una delle categorie che maggiormente interessano le aziende italiane operanti negli Stati Uniti.

Le restrizioni non si applicano:
a) ai residenti gli Stati Uniti;
b) a chi abbia un coniuge statunitense;
c) a qualunque cittadino straniero il cui ingresso nel Paese e ‘considerato di interesse nazionale dal Segretario di Stato o dal Segretario del Dipartimento per la Homeland Security.
d) qualunque cittadino straniero il cui ingresso nel Paese e ‘funzionale alla “filiera alimentare”.

stati america stati viaggi usa viaggiare negli usa viaggi per gli usa  viaggiare sicuri usa

Lettura consigliata: Zone rosse in Europa e in Italia: cosa sono le zone rosso scuro e come possiamo muoverci

Se trovi interessante l’articolo non esitare e condividilo sui tuoi social, come Whatsapp, Facebook o Instagram: mi aiuterai a crescere!

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *