Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato
Travel Magazine

Cose da vedere a Venezia: cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato

Venezia detta anche la Serenissima è una città unica che ti conquista con la sua bellezza senza tempo , una città sospesa sull’acqua piena di arte e di mistero.
Si trova in una laguna che comprende 118 isolette di cui solo di 70 si conosce il nome e tra le cose da vedere a Venezia, le più famose sono Murano, Burano e Torcello.

Romantica, imperfetta, misteriosa, magnetica, affascinante, elegante, sinuosa. Venezia è come una donna che ti innamora.

Fabrizio Caramagna

Scopriamo insieme le bellezze di questo teatro sotto il cielo.

Cose da vedere a Venezia

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato, venezia, venezia piazza san marco

Piazza San Marco

E’ il cuore di Venezia nonchè l’unica piazza, larga 180 metri e lunga 70 metri. E’ una delle piazze più belle del mondo, un tempo un grande orto ma trasformata in piazza in occasione della costruzione della Basilica. La Piazza ospita i più importanti monumenti storici come il Palazzo Ducale, la Torre dell’orologio e il Campanile di San Marco, per evitare lunghe file vi consiglio di prenotare il biglietto per il palazzo Ducale e la Basilica. La piazza si trova nel punto più basso della città questo significa che quando la marea supera i 90 cm sul mare, Piazza San Marco comincia ad allagarsi, per questo motivo sono state costruite delle passerelle su cui camminare, è uno spettacolo davvero singolare. 

Il Ponte dei Sospiri

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato, venezia foto, venezia ponte dei sospiri

Il ponte più fotografato di Venezia, simbolo dell’amore e del romanticismo nasconde molti segreti e curiosità. Il Ponte dei Sospiri venne costruito agli inizi del 1600 per collegare le prigioni al Palazzo Ducale. La struttura comprende due stretti corridoi separati da un grande muro è totalmente chiuso, a parte  poche e piccole finestrelle di pietra traforate, per impedire ai prigionieri di fuggire. Secondo la legenda i “sospiri” non erano quelli dell’amore ma della disperazione dei prigionieri che dicevano addio alla loro libertà guardando per l’ultima volta il cielo attraverso le piccole finestrelle. Con l’avvento del turismo i sospiri divennero d’amore anche complice la bellissima vista.

Teatro della Fenice

Da qui il famoso detto “Come la Fenice risorgerai dalle ceneri“, questo perchè il Teatro della Fenice è stato distrutto 2 volte in 200 anni anni ma ricostruito splendido più che mai. Un Teatro dove si sono esibiti e si esibiscono i più grandi artisti. Vi ritroverete davanti decorazioni dorate e affreschi che vi lasceranno a bocca aperta. Il Teatro ospita una mostra permanente dedicata a Maria Callas molto interessante e particolare.

Ponte di Rialto

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato, venezia ponte rialto

E’ il più antico dei quattro ponti del Canal Grande. E’ un ponte imponente costruito dell’architetto Antonio da Ponte, fra il 1588 e il 1591. Per la struttura furono impiegati più di dodicimila pali di legno. E’ in pietra bianca  e si divide in 3 rampe di scale, una centrale e 2 laterali  con volta a botte che ospitano 24 negozi. Percorrendo tutto il Ponte di Rialto vi ritroverete al Mercato di Rialto, dove dal 1097 si vende frutta e verdura, aperto dalle 9 alle 12 vi accoglierà con i suoi sgargianti colori.

Museo Peggy Guggenheim

E’ uno dei più importanti musei d’arte europea ed americana in Italia. Guggenheim dopo aver aver girato il mondo dove ha conosciuto alcuni dei più grandi artisti internazionali, ha aperto i musei a Londra e a New York. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale decide di vivere a Venezia, città della quale si è innamorata. Nel 1948 compra il Palazzo Venier, dove vive ed espone la sua collezione di quadri.  Alla sua morte la casa diventò un museo con esposte le più belle opere di tutti i tempi dal cubismo all’ astrattismo.

Libreria Acqua Alta

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato, venezia libreria acqua alta

Realizzata nel 2004 da Luigi Frizzo, si trova vicino alla Chiesa di Santa Maria Formosa, una libreria molto particolare e ingegnosa. Considerando che quando l ‘ Acqua alta supera i 110 cm si infila ovunque ,Luigi si è ingegnato con gondole, barche e anche una vasca da bagno che fungono da scaffali ed enciclopedie al posto di gradini. Qui potrete trovare libri di ogni genere, epoca e lingua, sia usati che nuovi. E’ un luogo davvero caratteristico e misterioso da non perdere sia che siate amanti della lettura o meno.

Canal Grande

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato

Chiamato anche “Canalazzo” ha una particolare forma ad “S” rovesciata è lungo 4 chilometri e divide il centro a metà. Assolutamente da fare è il giro in gondola ,un’ esperienza suggestiva e romantica ma anche ricca di tradizione che non troverete in nessun’ altra parte del mondo.

Laboratorio Di Maschere Veneziane A Ca’ Macana

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato

A Ca’ Macana si trova il più grande laboratorio di maschere di carnevale veneziane in cartapesta. Potrete vedere come si realizza una maschera di carnevale e avere tante informazioni e curiosità sul carnevale di Venezia. Ci sono laboratori in cui potrete creare la vostra maschera e decorarla!

Cose da vedere a Venezia: Murano

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato venezia murano

Murano l’ isola del vetro è un’insieme di isolotti collegati da caratteristici ponti. Passeggiando per la città vi imbatterete in molti negozi e fabbriche del vetro, qui potrete vedere i mastri vetrai a lavoro. Assisterete ad effetti visivi molto particolari, il vetro che nella sua forma liquida viene lavorato, soffiato e trasformato in meravigliose creazioni. Una tappa da fare è il Museo del Vetro dove ammirare una bellissima collezione di vetri, da quelli archeologici alla famosa Coppa Barovier del XV secolo, fino alle creazioni contemporanee.

Venezia cosa vedere: Torcello

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato, venezia torcello
venezia musei  venezia palazzo ducale  venezia burano  venezia gondola  venezia monumenti  venezia citta  venezia la fenice  venezia arte  venezia museo  venezia case  venezia vetro  venezia  venezia unica  venezia carnevale  venezia teatro  venezia maschere

Torcello è un isola davvero piccolissima, la visiterete in meno di mezz’ora, pare sia abitata solo da una decina di persone, nonostante questo merita di essere visitata.

Come murano anche a Torcello ci sono molti ponti, il più suggestivo è il Ponte del Diavolo riconoscibile  per la sua forma ad arco e la mancanza di parapetti. Questo ponte è protagonista di una legenda che racconta di una ragazza si innamorò di un ufficiale Austriaco che morì in battaglia. Lei andò da una strega che a sua volta fece un patto con il Diavolo per farle riavere il suo amato in cambio delle anime di 7 bambini. Il debito non fu mai pagato perchè la strega morì. Si dice che ogni 24 dicembre il Diavolo continui a ripresentarsi qui sotto forma di un gatto nero, ancora in attesa che la strega si presenti a saldare il suo debito. Un’altra attrazione particolare è il Trono di Attila, una seduta di pietra bianca.

La Basilica di  Santa Maria Assunta è la chiesa principale di Torcello ha una grande porta in marmo con stipiti originali, ma la cosa particolare sono i bellissimi mosaici uno dei quali rappresenta il Giudizio Universale, meritano di essere visti anche perchè sono conservati molto bene. Infine il Museo di Torcello dove rivivere la storia dell’ isola, vi sono conservati tutti i reperti archeologici ritrovati nel corso dei secoli.

Venezia cosa visitare nei dintorni: Burano

Venezia, cosa vedere nella città galleggiante tra merletti e vetro soffiato, venezia burano
burano
burano cosa vedere
cosa vedere a burano

Un’ isola coloratissima, non troverete una casa dello stesso colore di un’altra, un’arcobaleno di colori che rallegrerà la vostra giornata. I colori sono sgargianti, pare aiutassero i pescatori ad orientarsi nei giorni di nebbia. La casa più particolare è la casa di Bepi Suà , si trova nascosta in mezzo alle vie ma spicca per le sue decorazioni eccentriche. Bepi era un signore che amava dare sfogo alla sua fantasia, amato da tutti ma soprattutto dai bambini.

Burano è la patria del merletto, qui troverete tantissimi negozi di merletti molto caratteristici e colorati ma soprattutto il Museo del Merletto dove ammirerete tessuti preziosi e quadri che ritraggono ricamatrici , ma la cosa più emozionante sarà vedere le ricamatrici a lavoro. Perdetevi tra i vicoli i ponti e i colori di quest’ isola così unica e particolare.

“Il primo e unico itinerario che ti suggerisco ha un nome. Si intitola: A caso. Sottotitolo: senza meta. Venezia è piccola, puoi permetterti di perderti senza mai uscirne davvero.”

Tiziano Scarpa

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *