Dove viaggiare nel 2021 in base al tuo segno zodiacale oroscopo viaggi 2021 oroscopo viaggi cancro
Travel Magazine

I viaggi al tempo del corona virus: un isolamento dalle devastanti conseguenze

Situazione odierna e suggerimenti per tornare a respirare il profumo di un viaggio.

Covid- 19 conosciuto come Corona Virus

Almeno sette alberghi del fiorentino hanno chiuso a causa del corona virus.

Oggi a Sky Tg 24 hanno detto che gli esercizi commerciali come bar e ristoranti a Firenze, hanno registrato un calo di vendite del 90%.

Mio marito lavora in un albergo in zona Piazza delle Libertà, (sempre nel capoluogo toscano), ed è chiuso fino al 26 marzo, ma probabilmente la data di riapertura verrà posticipata.

Parlo di Firenze perché è una realtà che conosco, ma tutta Italia è così, tutti nella stessa barca, anzi sulla stessa arca, chi più chi meno, ognuno a modo suo si sta affacciando a questa situazione in questi giorni.

Firenze di notte

Quante famiglie a casa? Troppe!
Quanti esercenti hanno deciso di abbassare la saracinesca e sono persone che se non lavorano, non guadagnano? Molte!

Il Corona Virus sta provocando degli effetti devastanti all’ economia italiana, c’è poco da discutere. È un fatto accertato purtroppo.
Anche se, leggendo dati statistici qua e là, il CoronaVirus sembra che non abbia per nulla scoraggiato la ‘prenotazione a lungo termine’- per ora-, quella cioè, che si faceva tanti anni fa, molti prenotano con largo anticipo le vacanze estive, magari guardando di prendere le ferie verso tardo agosto o settembre, per chi ovviamente sa già quando può andare in ferie a mesi di distanza.

Questo perché l’ottimismo che dilaga nell’italiano medio, fa si che molte persone pensano che la situazione si stanzierà o migliorerà tra un po’ di tempo.

Questo è vero! Ma in quali casi?

  1. Nel caso in cui tutti, senza se e senza ma, rinunciano alle loro attività, limitano le uscite fuori casa, i contatti con le persone, anche famigliari. RISPETTATE LE NORME VIGENTI. Che non sono decreti politici presi sulla base di diagnosi personali o supposizioni, ma sono regole che vogliono che vengano messe in atto e rispettate e nascono su basi scientifiche e in vista della situazione che ha già attraversato paesi come la Cina.
  2. L’economia soffrirà, ma si tratta di settimane se tutti ci adoperiamo per salvaguardarci. Mentre nel caso in cui ognuno pensa per se e se ne infischia della calamità che stiamo vivendo (TUTTI quanti insieme), allora si che l’economia soffrirà, ma per mesi. Qui siamo nella solita situazione di quando i genitori dicono:” Se finisci tutta la cena avrai il dolce!”, “Se rispettiamo tutti le norme, avremo la libertà da questo maledetto virus!”.

Oggi abbiamo paesi come Istraele, l’ Eritrea o gli Stati Uniti che bloccano e mettono in quarantena i passeggeri provenienti dall’Italia, in Russia vengono interrotte le vendite di pacchetti vacanze per la nostra penisola, WizzAir cancella i voli per il Nord Italia…Confturimo parla di 22 milioni di presenze in meno di turisti in Italia, anche nei mesi post cataclisma corona virus con una perdita di spesa di oltre 3 miliardi di euro.

Sono numeri da capogiro, sono dati allarmanti, è una situazione tanto inaspettata quanto seria e drammatica ( che credo il termine coniato calamità sia più che corretto). Come uno tsunami o un terremoto che non ha colpito solo una zona, creando una grave cicatrice che lo Stato in qualche modo può marginare limitando i danni e guarire, ma che ha preso un’intera nazione con conseguenze globali, mondiali.

Oggi che possiamo fare per il turismo?

L’immagine dell’Italia all’estero è oggi danneggiata e la fiducia per gli stranieri a tornare nel Bel Paese sarà riacquistabile con lentezza.
SE SEI ITALIANO e hai modo di programmare una vacanza, le tue ferie o nei prossimi mesi sei certo di poterti permettere qualche giorno fuori dalla tua città, valuta l’Italia come prima meta, già proprio il tuo bel paese.

Scarica una guida, compra su Amazon un libro-guida che ti arriva direttamente a casa, di una regione o di una zona che ti piacerebbe visitare e, in questo periodo dove moltissimi noi devono passare a casa tanto tempo, avremo modo di leggere queste guide, studiare un itinerario, segnarci alberghi o strutture ricettive che appena possibile, contatteremo per prenotare un soggiorno.

SE SEI UNA PERSONA CHE LAVORA NEL TURISMO, HAI UNA STRUTTURA RICETTIVA, UN B&B, SEI UNA GUIDA, UN TOUR OPERATOR – E CONOSCI BENE L’INGLESE O UN’ALTRA LINGUA– perchè non valuti l’ipotesi di aprire un blog o una pagina social dove inviti a partecipare alle attività della tua azienda o della tua zona. illustri eventi, sagre e luoghi imperdibili della tua terra, che un turista non deve perdersi nei prossimi mesi. La diffusione di queste immagini e di questi articoli, potrebbe invogliare qualche straniero, non appena la situazione da Covid-19 si placa, a vivere un’esperienza italiana.

A tal proposito: avete letto i miei articoli sugli alberghi diffusi tra Abruzzo e Molise?
https://www.soniaroadlife.com/category/progetto-alberghi-diffusi-in-italia/

Li prendereste in considerazione per una prossima vacanza slow e non troppo dispendiosa?

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *