Natale nel mondo: come festeggiano il Natale in America?
Travel Magazine

Natale nel mondo: come festeggiano il Natale in America?

Gli Stati Uniti d’America hanno molte tradizioni e modi diversi in cui le persone celebrano il Natale, a causa della loro natura multiculturale.
Molte usanze sono simili a quelle del Regno Unito , Francia , Italia , Paesi Bassi , Polonia e Messico .

Il pasto tradizionale per le famiglie che provengono e hanno discendenze dell’Europa occidentale è il tacchino o il prosciutto con salsa di mirtilli. Le famiglie di origini dell’Europa orientale invece prediligono il tacchino con guarnizioni, keilbasi (una salsiccia polacca), piatti di cavolo e zuppe; e le famiglie italiane ovviamente preferiscono le lasagne!

Alcuni americani usano addirittura mangiare pop-corn infilati su uno stecco per decorare il loro albero di Natale, ma anche fare case di pan di zenzero, anche questo è molto popolare da fare e degustare a Natale!
Lo zabaione è una bevanda natalizia “tradizionale” negli Stati Uniti.

Molti americani, soprattutto cristiani, andranno in chiesa per celebrare la nascita di Gesù a Natale. Molte chiese hanno speciali servizi natalizi ed eventi in cui viene raccontata la storia del Natale, non esiste un vero e proprio catechismo come lo intendiamo noi!

Come avete visto s’è parlato finora prettamente del mangiare: dopotutto è la prima cosa a cui pensiamo se pensiamo al Natale, o forse la seconda dopo i regali!
Anche per voi è così?

Natale nel Mondo Tradizioni…Natale in the USA!

Nel New England (gli Stati americani del Massachusetts, Connecticut, Rhode Island, Vermont, New Hampshire e Maine), ci sono negozi chiamati “Christmas Shops” che vendono solo decorazioni e giocattoli natalizi tutto l’anno!

Gli americani inviano anche cartoline di Natale, è una cosa particolare che fanno e molto comune, per dare gli auguri a chi vive lontano o a colleghi ed amici. Come il canto natalizio, c’è l’usanza insolita del Christmas Pickle !

Natale nel mondo canzoni… Natale in America: Christmas Pickle

Per chiunque abbia fatto un giro negli USA non è un mistero che gli statunitensi vadano matti per i sottaceti e in particolare per i cetrioli, quelli che loro chiamano pickle, che mettono in qualsiasi cosa, dai bagel agli hamburger.
Dei “pickle” però, ne è vittima anche l’albero di Natale, e su questo c’è una strana storia incredibile, da raccontare.

Secondo la tradizione tra le fronde dell’albero si nasconde il Christmas pickle e chi lo trova per primo, dopo una vera e propria caccia al tesoro, è destinato a ricevere un premio che nella maggior parte dei casi è un regalo in più.
Gli statunitensi attribuiscono l’origine della tradizione ai tedeschi.
Però, da quanto registrato sul New York Times, l’agenzia di sondaggi YouGov ha intervistato 2.057 tedeschi e ha rilevato che il 91% non ha mai sentito di questa leggenda e non sapeva neanche che fosse a loro attribuita.

Natale nel mondo usi e costumi

Le persone in America amano decorare l’esterno delle loro case con luci e talvolta anche statue di Babbo Natale , pupazzi di neve e renne.
Alcuni lasciano biscotti e un bicchiere di latte, fuori dalla porta, come spuntino per Babbo Natale alla vigilia di Natale!

I paesi e le città spesso decorano le strade con luci per celebrare il Natale, ma non le luci come le intendiamo noi, le strade sono colme di addobbi e quasi si vede a giorno!

Forse le luminarie di Natale più famose negli Stati Uniti sono al Rockefeller Center di New York , dove c’è un enorme albero di Natale con una pista di pattinaggio pubblica sul ghiaccio davanti, messa lì da Natale e Capodanno.

Spostiamoci da New York e da quelle tradizioni che già un po’ tutti noi conosciamo: alle Hawaii, Babbo Natale si chiama Kanakaloka!

Mentre usanze come la mummia si svolgono in alcune comunità.

Il giorno di Capodanno a Philadelphia c’è una parata che dura più di sei ore! I club chiamati “New Years Associations” si esibiscono con costumi sorprendenti che richiedono mesi per essere realizzati.
Ci sono quattro categorie: Fumetti, Fantasie, String Band e Fancy Brigades, che vengono giudicate.
Puoi saperne di più sul sito ufficiale: www.phillymummers.com

Negli Stati Uniti sudoccidentali, ci sono usanze speciali che hanno alcune somiglianze con quelle in alcune parti del Messico.
Includono “luminarias” o “farolitos”, che sono sacchi di carta parzialmente riempiti di sabbia e in cui viene inserita una candela. Vengono accesi la vigilia di Natale e vengono posti ai bordi delle strade. Rappresentano “l’illuminazione della via” per illuminare appunto la strada a Maria e Giuseppe e mostrare loro dove possano rimanere.

Un cibo popolare a Natale nel sud-ovest degli Stati Uniti sono i tamales.

Nel sud della Louisiana, alla vigilia di Natale, le famiglie di piccole comunità che vivono lungo il fiume Mississippi, accendono falò lungo gli argini (le alte sponde del fiume) per aiutare ‘Papa Noel’ (il nome di Babbo Natale in francese poiché la Louisiana ha un forte legame storico con Francia) trova la strada per le case dei bambini!

Ovunque gli americani si trovino in dibattiti durante le vacanze su questioni che vanno da ciò che è raffigurato sulle tazze di Starbucks alle esibizioni pubbliche di simboli religiosi, è difficile non essere d’accordo sul fatto che il Natale sia ancora una parte importante della vita di molte persone.

Natale nel mondo: Natale Stati uniti e 5 particolarità che non conoscevi

Si avvicinano le vacanze, siete curiosi di sapere come lo celebrano nel resto del mondo, il Natale? Dopotutto io mi sento molto vicina ai miei concittadini del Pianeta Terra, con questa pandemia. Oggi più che mai non sento differenze con il resto del mondo!

Ecco allora 5 fatti sul Natale in America e su come le persone lo celebrano.

  • Numero 1

Secondo un nuovo sondaggio del Pew Research Center, 9 americani su 10 (90%) – e il 95% dei cristiani – affermano di festeggiare il Natale .
Sebbene queste cifre siano generalmente stabili negli ultimi anni, il ruolo della religione nelle celebrazioni natalizie sembra essere un pochino in declino .

Oggi, il 46% degli americani afferma di celebrare il Natale principalmente come una festa religiosa (piuttosto che culturale), in calo rispetto al 51% che lo aveva detto nel 2013.
La maggioranza degli adulti statunitensi (56%) afferma anche che gli aspetti religiosi del Natale sono enfatizzati meno nella società americana oggi rispetto al passato, anche se relativamente pochi sono infastiditi da questa tendenza.

  • Numero 2

Quando vanno in negozio, quale saluto preferiscono gli americani nel periodo di Natale?
“Buon Natale” o “buone feste”?

Inoltre circa la metà degli americani (52%) oggi, afferma che non gli importa come i negozi accolgono i propri clienti durante le vacanze, rispetto al 46% del 2012.
Circa un terzo (il 32%) sceglie “Buon Natale”, in calo considerevole dal 42% che ha detto l’opposto cinque anni fa. I repubblicani sono molto più propensi dei democratici a dire che preferiscono “Buon Natale”.

  • Numero 3

Le manifestazioni natalizie su proprietà del governo – che richiedono un controllo annuale – sono un altro aspetto a volte controverso del Natale.

Alcuni giornalisti ( intervista su Youtube) hanno chiesto agli americani se i simboli cristiani come i presepi dovrebbero essere consentiti su proprietà del governo e, in caso affermativo, se dovrebbero essere consentiti da soli o solo se accompagnati da simboli di altre fedi religiose.

Una quota crescente afferma che le manifestazioni religiose non dovrebbero essere consentite su proprietà del governo in nessuna circostanza (26%, rispetto al 20% di tre anni fa).
Allo stesso tempo, una quota in calo afferma che i simboli cristiani dovrebbero essere consentiti su proprietà del governo anche se non sono accompagnati da simboli di altre religioni (37% oggi, in calo dal 44% nel 2014).
Circa 3 su 10 (29%) quindi asseriscono che queste esposizioni dovrebbero essere consentite solo se accompagnate da altri simboli religiosi come le candele di Hanukkah, una quota che è rimasta relativamente stabile negli ultimi anni.

  • Numero 4

Gli americani hanno a lungo discusso se i presepi e altre manifestazioni religiose su proprietà pubbliche violino la regola di libertà, istitutiva del primo emendamento della costituzione degli Stati Uniti.
Negli anni ’80, la Corte Suprema ha emesso due sentenze fondamentali che consentono l’esposizione negli asili nido di Natale,oltre che di simboli cristiani anche di Hanukkah menorah e altri simboli di festività religiose su proprietà pubbliche, a condizione che non sostengano o promuovano attivamente una particolare religione o religione in generale.

In pratica, i simboli religiosi che fanno parte di una più ampia esposizione di festività secolari e che mettono d’accordo quasi l’intero pianeta Terra sono gli alberi di Natale, Babbo Natale e le renne, che quindi hanno avuto molte più possibilità di sopravvivere, e rimangono le più utilizzate a dispetto delle decorazioni religiose, nelle scuole e nei luoghi pubblici.

  • Numero 5

La maggior parte degli americani crede che gli elementi della storia biblica del Natale riflettano eventi storici reali, sebbene la percentuale che esprime questo punto di vista sia notevolmente diminuita negli ultimi anni, sconvolgente vero?
Due terzi (66%) affermano che Gesù è nato da una vergine, rispetto al 73% che lo ha detto nel 2014 ; il 75% crede che sia stato deposto in una mangiatoia, in calo rispetto all’81%.

La fede in questi eventi è diminuita non solo tra le persone senza affiliazione religiosa, ma anche tra i cristiani.

Dopo queste particolarità elencate e statistiche che ci fanno intendere e capir meglio come ragionano e come la pensano gli americani, torniamo alle tradizioni e agli usi più comuni e più particolari.

natale nel mondo immagini   natale nel mondo per bambini   natale in america   natale con i bambini   natale stati uniti

Il Natale nel continente americano

Il giorno di Natale è una festa nazionale?

Il giorno di Natale è un giorno festivo. È un giorno libero per la popolazione generale e le scuole e la maggior parte delle attività commerciali sono chiuse.

Cosa fanno le persone?

È comune organizzare un pasto speciale, spesso composto da tacchino e molti altri cibi festivi, per la famiglia o gli amici e scambiare regali con loro. I bambini, in particolare, ricevono spesso molti regali dai genitori e da altri parenti e dalla mitica figura di Babbo Natale.
Ciò ha portato il giorno di Natale a diventare una festività sempre più commercializzata, con molte famiglie che spendono gran parte del loro reddito in regali e cibo.

Molte scuole domenicali, chiese e comunità organizzano eventi speciali. Questi possono includere decorare il quartiere o un centro commerciale, montare un albero di Natale e pianificare una mostra, un concerto o un’esibizione della Natività.

Molte commedie e canzoni hanno come tema un aspetto del Natale. Alcuni gruppi organizzano pasti, alloggi o progetti di beneficenza per persone senza casa o con pochissimi soldi.

Vita pubblica

Gli uffici governativi, le organizzazioni, le aziende e le scuole sono chiusi, quasi senza eccezioni.
Molte persone visitano parenti o amici che sono fuori città. Ciò può causare congestione sulle autostrade e negli aeroporti. I sistemi di trasporto pubblico non funzionano secondo i loro orari regolari.
In generale, la vita pubblica si chiude completamente.

Natale…l’idea di fondo per gli americani

Il significato originale del Natale è un servizio speciale in chiesa, o messa, per celebrare la nascita di Cristo.
La storia della Natività, o gli eventi che circondano la nascita di Gesù, sono particolarmente importanti nelle celebrazioni religiose del Natale, soprattutto al di sotto degli USA, quindi in America Latina.
Tuttavia, molte tradizioni che esistono oggi hanno le loro radici nelle feste invernali precristiane. Questi includono l’importanza delle candele e delle decorazioni realizzate con cespugli e alberi sempreverdi, che simboleggiano la luce e la vita eterne.

Ma poi, sapete perché il Natale si festeggia il 25 dicembre?

In epoca romana si teneva un festival di metà inverno. Questo era visto come un momento rilassante con molte feste gioiose e allegre.
Era anche comune fare ad altre persone piccoli regali, come bambole per bambini e candele per adulti.
Questa festa è culminata con la celebrazione del solstizio d’inverno, che cadeva il 25 dicembre nel calendario romano.
In Scandinavia, un festival chiamato Yule e della durata di dodici giorni si è tenuto a fine dicembre e all’inizio di gennaio.
In questo periodo le persone bruciavano tronchi e organizzavano feste. Queste usanze influenzano il modo in cui il giorno di Natale viene celebrato oggi negli Stati Uniti e in quasi tutto il mondo.

Leggi anche: Natale nel mondo: come si festeggia il Natale in Africa?

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social e visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *