Posti Strani da visitare: attrazioni insolite in Italia
Lo sapevate che...?

Posti Strani da visitare: attrazioni insolite in Italia

Ci sono luoghi e posti strani in Italia considerati insoliti e misteriosi: che sono un po’ nascosti e non fanno parte dei classici circuiti turistici.

Vuoi sapere quali? Eccone alcuni:

Ce ne sarebbero ancora molti altri di posti strani…magari farò un secondo articolo.

Vediamone adesso qualcuno di quelli sopra elencati più nel dettaglio.

Altra lettura consigliata: Abruzzo in Miniatura: dove la creatività racconta un luogo

Posti strani da visitare in Italia, o almeno considerati tali

1.Valle dei Mulini tra i posti strani e abbandonati d’Italia

Sorrento, un crepaccio italiano pieno di edifici abbandonati offre ai visitatori uno sguardo al mondo senza umani. 

La Valle dei Mulini, è un verdeggiante raggruppamento di rovine moderne annidate in fondo a un profondo crepaccio italiano. 

La profonda spaccatura nella roccia che ospita gli edifici fatiscenti si è originata durante un’enorme eruzione che ha devastato l’area del Mediterraneo 35.000 anni fa. 
I mulini, costruiti in pietra già nel XIII secolo, sfruttano il flusso costante di fondovalle. Hanno macinato tutti i tipi di grano necessari ai sorrentini del territorio circostante.

Dopo che i mulini furono avviati con successo, iniziarono a sorgere altri primi complessi industriali per sfruttare le acque di fondo: fu costruita una segheria che forniva la pula usata dai maestri ebanisti locali e c’era un lavatoio usato dalle donne per igiene personale e indumenti per il riciclaggio.

Dopo che la macinazione della farina fu in gran parte spostata nei vicini mulini, l’area industriale sommersa divenne in gran parte obsoleta e gli edifici furono chiusi e abbandonati negli anni ’40. 

Dalla loro chiusura, gli edifici in mattoni sono stati lentamente assorbiti dalla vegetazione aggressiva che prospera nell’umido crepaccio. Gli splendidi edifici nascosti nella Valle dei Mulini non sembrano altro che una fetta di come sarà il mondo quando gli umani si saranno estinti.

Da sapere prima di andare_

I mulini sono visibili da Viale Enrico Caruso, sospeso sul canyon e all’incrocio con Via Fuorimura.

2. Cripte di Santa Maria della Concezione

A Roma le cripte dei frati cappuccini decorate con le ossa di oltre 4.000 frati, compresa un’intera “cripta dei bàcini”. 

Nel 1775, il marchese De Sade ne scrisse: “Non ho mai visto niente di più sorprendente”. Certo, la cripta era di suo gusto.

Mark Twain ne scrisse nel suo libro del 1869 Innocents Abroad. Quando Twain chiese a uno dei monaci cosa sarebbe successo alla sua morte, il monaco rispose: “Dobbiamo mentire tutti qui”. E circa 4.000 frati cappuccini morti tra il 1528 e il 1870 giacciono ancora, “appiccicati” alle pareti che generalmente adornano la cripta di Santa Maria della Concezione a Roma.

Piuttosto che semplicemente seppellire i resti dei loro fratelli morti, i monaci decorarono le pareti delle cripte con le loro ossa per ricordare a se stessi che la morte poteva arrivare in qualsiasi momento. Una targa nella cripta dice: “Quello che sei adesso, eravamo una volta; quello che siamo adesso, tu sarai. “

L’ossario contiene una cripta di teschi, una cripta di ossa delle gambe e forse la più strana: una “cripta di pelvi”. I monaci mummificati erano vestiti con abiti da frate e appesi alle pareti e al soffitto. Con l’aggiunta dell’elettricità, alcune lampade sono state incorporate in alcuni monaci sospesi, conferendo un nuovo significato alla frase “la luce eterna”.

Un punto culminante particolare della cripta è lo scheletro racchiuso in un ovale di ossa che regge una falce e delle scaglie: strumenti fatti interamente di, sì, ossa. Si dice che la cripta sia stata l’ispirazione per l’Ossario di Sedlec nella Repubblica Ceca.

Da sapere prima di andare che è vietata qualsiasi fotografia ( queste che ti mostro si trovano nel web).

3. I mostri di Bomarzo

Uno spettacolo horror del XVI secolo realizzato in un grazioso giardino all’italiana. 

Il Parco dei Mostri, nel Giardino di Bomarzo non doveva essere carino, non è nato per piacere. Commissionato nel 1552 dal principe Pier Francesco Orsini, era un’espressione di dolore destinata a scioccare.

Il principe infatti, aveva appena attraversato una guerra brutale, aveva ucciso il suo amico, era stato trattenuto per un riscatto per anni, ed era tornato a casa solo per veder morire la sua amata moglie. 
Tormentato dal dolore, il principe voleva creare una sconvolgente “Villa delle Meraviglie” e ingaggiò l’architetto Pirro Ligorio per aiutarlo a farlo. 
Ligorio era un architetto e artista molto rispettato e aveva precedentemente completato la Cattedrale di San Pietro a Roma dopo la morte di Michelangelo, così come la Villa d’Este a Tivoli. 
Questo era senza dubbio un lavoro insolito, ma visto come interessante per lui.

Il parco è archiviato con sculture bizzarre e affascinanti per le quali solo le iscrizioni di accompagnamento forniscono una spiegazione. Tra i pezzi ci sono un elefante da guerra, una mostruosa testa di pesce, un gigante che strappa a metà un altro gigante e una casa costruita su un’inclinazione per disorientare lo spettatore. 
Forse il pezzo più spaventoso del giardino è una testa enorme, la bocca spalancata in un urlo. L’iscrizione di accompagnamento recita “ogni ragione se ne va”.

Costruito durante il Rinascimento italiano, la disposizione del giardino somigliava poco alla simmetria di altri giardini rinascimentali, e l’arte era realizzata in uno stile rozzo “materialista”, una sorta di versione del Surrealismo del XVI secolo. 
Ha senso, quindi, che i surrealisti lo adorassero.

Salvador Dalí ha visitato il parco e l’ha adorato. Era così ispirato, ha girato un cortometraggio lì, e le sculture hanno ispirato il suo dipinto del 1946 La tentazione di Sant’Antonio .
 Anche Jean Cocteau era un fan del parco. Altri artisti seguirono e un romanzo, un libretto e un’opera sono stati tutti scritti basandosi e trovando ispirazione dal parco.

Anche se non c’è modo di sapere veramente come si sentiva il principe, l’aggiunta finale indica che forse stava superando la sua malinconia. Costruito in 20 anni, non è un mostro ma un tempio, ideato anche per onorare la sua seconda moglie pur rimanendo tra i Posti Strani da visitare in Italia..

Quando visiti il ​​parco, assicurati di entrare nella gigantesca bocca urlante (conosciuta come “la bocca dell’inferno”), all’interno della quale, sulla lingua, c’è un tavolo da picnic e posti a sedere sufficienti per un piccolo gruppo per pranzare.

4.Torre Argentina a Roma

Centinaia di fortunati felini infestano le rovine dove fu assassinato Cesare.

 

A Roma i gatti hanno un antico complesso di templi tutto per loro.

Noto come Largo di Torre Argentina, questa meraviglia archeologica fu scavata come parte degli sforzi di ricostruzione di Mussolini nel 1929, rivelando quattro templi della vittoria repubblicani che giacciono infossati 10 metri sotto il livello stradale. 

Oltre ai resti di quattro diversi templi, Torre Argentina contiene anche parte del famoso portico di Pompeo, sui cui passi il dittatore Giulio Cesare fu tradito e ucciso nel 44 a.C. 
Oggi i volontari di Torre Argentina si prendono cura di circa 130 gatti, molti dei quali disabili o affetti da malattie. Dopo che il sito fu scavato, i gatti selvatici di Roma si trasferirono immediatamente, come fanno in tutta la città, e le gattare, o signore dei gatti, iniziarono a dar loro da mangiare e prendersi cura di loro.
 Dalla metà degli anni ’90, la popolazione è cresciuta da circa 90 a un massimo di 250 e l’organizzazione si è intensificata con la cura dei gatti malati o feriti, così come un vasto programma di sterilizzazione e castrazione per tenere sotto controllo la popolazione selvaggia. 
La maggior parte dei residenti permanenti ha bisogni speciali: sono ciechi o hanno le gambe mancanti o provengono da case violente.

Ogni pomeriggio una piccola folla si raduna qui per guardare i gatti prendere il sole su antichi pilastri e gradini. All’inizio potrebbe essere difficile individuare i gatti, ma una volta che inizi a vederli, sono ovunque. I visitatori possono ammirare i gatti e le loro rovine dal livello della strada o scendere i gradini dell’ufficio sotterraneo per fare volontariato, esaminare il negozio di articoli da regalo, donare e persino adottare gatti.

C’è un altro santuario romano per gatti situato nel cimitero protestante , vicino alla Piramide Cestia .

Lettura consigliata: Musei del mondo, i piu’ strani che non ci crederai finché non li vedrai

5. La città sommersa di Baia

Un parco archeologico sommerso custodisce ancora le meraviglie di una Sodoma romana. 

Nel suo periodo di massimo splendore, la città romana di Baia era la Las Vegas edonista del tempo, ma ora i suoi resti fanno festa sotto le onde.

Importante città di villeggiatura per secoli, Baia ha soddisfatto i capricci ricreativi dei ricchi e potenti dell’élite romana. La città, che si trovava su bocche vulcaniche naturali, era famosa per le sue sorgenti termali curative che si trovavano in tutta la città ed erano abbastanza facili da costruire. 
Alcune delle figure più potenti dell’antichità come Nerone, Cicerone e Cesare erano note per aver visitato la città e alcuni di loro in realtà vi costruirono ville per le vacanze. 

Sfortunatamente, i bei tempi non durarono e la città fu saccheggiata da un esercito musulmano nell’VIII secolo. 
Nel 1500, i resti della città un tempo lussuosa furono abbandonati. Dopo che i resti della città furono svuotati, il livello dell’acqua si alzò lentamente a causa delle stesse prese d’aria vulcaniche che una volta erano un’attrazione per l’area, e la maggior parte delle antiche rovine furono sommerse sotto le acque poco profonde.

Oggi gli antichi resti di Baia possono essere visitati in uno dei pochi parchi archeologici sottomarini al mondo. I visitatori possono vedere le strutture sbriciolate e le statue incredibilmente conservate della città attraverso barche con fondo di vetro, snorkeling o persino immersioni subacquee che consentono alle persone di nuotare tra le copiose rovine. 

Sebbene la città non sia più un resort, le sue acque conservano ancora meraviglie.  

6. Libreria Acqua Alta

Questa libreria di Venezia si è rassegnata alle continue inondazioni conservando i suoi libri nelle vasche da bagno e nelle barche ( è abbastanza da inserire tra i Posti Strani). 

Tenere una collezione di libri in una città dove le strade sono fatte d’acqua è un’idea pericolosa, ma la Libreria Acqua Alta di Venezia non ha nulla da temere dato che tengono tutti i loro titoli in bacini impermeabili. 

L’autoproclamata “libreria più bella del mondo” è composta da un numero di stanze strapiene con ammucchiati parete per parete, infinità di libri, riviste, mappe e altri effimeri. 
A causa delle inondazioni costanti di Venezia, tuttavia, queste pittoresche pile sono tutte collocate all’interno di vasche da bagno, bidoni impermeabili e in una stanza una gondola a grandezza naturale.

Quando i corsi d’acqua locali si alzano e vanno a riempire il negozio, l’acqua può sollevarsi a pochi centimetri dal pavimento, il che distruggerebbe qualsiasi altra raccolta. 
L’atmosfera stravagante del negozio si riflette anche nella loro “scala antincendio”, che è semplicemente una porta che conduce direttamente in un canale. 

Per completare davvero il look, il negozio è diventato la casa di più di un gatto randagio, che è anche in grado di sfuggire alle maree in aumento stendendosi in cima ai libri.   

7. Quartiere Coppedè

Quartiere fantasy architettonico di Roma. 

Quartiere Coppedé è una zona bizzarra di Roma, incastonata nel quartiere Trieste nella parte settentrionale della città. 
Il fantastico mix di greco antico, barocco romano, manierista, medievale e, in generale, guazzabuglio di Art Nouveau è stato portato in vita dall’architetto fiorentino Gino Coppedè (da cui il quartiere stesso prende il nome attuale) nel 1919. Coppedè ha lavorato al quartiere fino alla sua morte nel 1927.

Sebbene i palazzi in stile Liberty del Quartiere Coppedè, caratterizzati da dettagli floreali, mitologici e medievali, siano abbondanti, c’è molto spazio per le fantasie di Coppedè in questa vasta area. 

I 31.000 metri quadrati del quartiere (con circa 40 strutture) sono animati da torri fiorentine e palazzi veneziani decorati con mosaici esterni e affreschi, palazzi romani barocchi con stemmate papali reali e imitazioni, una meridiana e persino un edificio dedicato a un musical schema decorativo la cui lavorazione esterna in ferro e intagli imita la notazione musicale .

Grazie alla sua strana bellezza, il Quartiere Coppedè è stato utilizzato come set per numerosi film, ed è un modo divertente per uscire dai sentieri battuti di Roma.

Da sapere prima di andare a visitare questo quartiere considerato tra i Posti Strani di Roma:

È possibile raggiungere Quartiere Coppedè prendendo il tram 3 o 19 fino a Piazza Buenos Aires, che è a pochi passi da Piazza Mincio.
 Mentre sei lì, assicurati di fermarti a Piazzo Mincio e dai un’occhiata alla stravagante Fontana delle Rane, in cui i Beatles notoriamente si SONO FATTI IL BAGNO dopo un concerto a Roma. 

Controlla anche l’arco su Via Tagliamento, che segna l’ingresso al quartiere ed è dove troverai il bizzarro lampadario all’aperto del Quartiere Coppedè, posizionato sopra la strada.

8. Porta Alchemica

La “porta magica” di un alchimista si trova al centro di un parco romano. 

È famosa ai romani, MA viene a malapena notata dai turisti in visita a Roma. 
Ma nel quartiere centrale di Piazza Vittorio, all’interno del parco, i resti di un’antica villa rivelano una Porta Magica o Alchimista, un portale nel mondo reale e segreto dell’alchimia del 1600.

Ricco di simboli e iscrizioni, fu costruito all’inizio del 1600 dal marchese romano Massimiliano Palombara, un membro di un gruppo di persone noto come “Gli Alchimisti di Palazzo Riario” che si riuniva intorno alla corte romana di CHristina, la regina reggente di Svezia . 
Christina era un’ardente sostenitrice dell’alchimia e della scienza, e pensatori e luminari della scienza come René Descartes e Athanasius Kircher si trovavano spesso nella sua corte italiana insieme ad appassionati di alchimia come Palombara.

La Porta Alchemica è l’unica rimasta delle cinque porte della villa di Palombara. Secondo la leggenda, il marchese incontrò un alchimista a una cena che gli disse che poteva usare una certa erba per trasformare i metalli in oro. 
Al mattino l’alchimista (detto essere Giuseppe Francesco Borri, una sorta di Zelig alchemico) se n’era andato ma aveva lasciato delle scaglie d’oro, prove apparentemente delle sue trasformazioni riuscite, e un foglio indecifrabile, la “ricetta” della trasformazione. 
Poiché il marchese non era in grado di leggerlo, incise la ricetta sulle sue porte nella speranza che qualcuno che poteva capirlo lo vedesse e bussasse.

Mistero e credenze occulte circondano ancora la porta e un simbolo criptico sopra la porta alimenta molte di queste teorie. 
Ma ovviamente, per la maggior parte dei visitatori di Roma, è solo un’altra misteriosa rovina, tra Posti Strani da visitare nella capitale.

Aggiornamento: il parco è attualmente in costruzione e inaccessibile. 

Da sapere prima di andare:

Prendi la metropolitana A (Vittorio), il tram 13, 5 o l’autobus 105.

9. Il Colosso di Villa Demidoff

Villa e giardini rinascimentali completi di un colosso tormentato, tra i più bei Posti Strani in Italia.

La bellezza e il mistero dei giardini rinascimentali sembrano crescere di notorietà solo una volta che vengono abbandonati o dopo secoli di abbandono… è il caso di Villa Demidoff.

Commissionata da Francesco I de ‘Medici nella cinquecentesca Villa Demidoff e la vicina Villa di Pratolino ci sono voluti oltre 12 anni per essere completata
Il risultato finale è stato uno straordinario labirinto di grotte naturali, laghi e sculture imponenti. Lo statuario, il “Colosso appenninico” del XVI secolo, è il principale punto focale del paesaggio. Siede in cima a una grotta in apparente angoscia per il suo destino.

Sebbene la maggior parte del parco e della villa sia stata completata nel XVI secolo, fu del tutto abbandonata all’inizio del 1800 e alcune delle sue delicate statue furono effettivamente rimosse e portate in un altro giardino all’italiana. 
Lentamente consumati dalla natura, i giardini furono finalmente salvati da Ferdinando III, Granduca di Toscana, che fu così colpito dalla loro naturale bellezza del luogo, che decise di distruggere le rovine della villa e concentrarsi completamente sui giardini stessi.

Quali altri posti strani, luoghi insoliti e un po’ misteriosi vuoi suggerirmi?

Lettura consigliata: Cose strane nel mondo: abitudini e usanze all’estero che appaiono insolite ai nostri occhi

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *