Plastic Free: come usare meno plastica durante i viaggi
Travel Shop

Plastic Free: come usare meno plastica durante i viaggi

PERCHÉ LA PLASTICA È UN PROBLEMA DI VIAGGIO

Ero seduta nella nostra camera d’albergo a Berlino con due mie amiche, e fissavo le 10 bottiglie d’acqua vuote da 1/2 litro allineate contro il muro con orrore.
Cosa stavamo facendo ?!

Durante alcuni viaggi di altri Travel Blogger che seguo, ho notato fiumi pieni di plastica in Nepal , strati di plastica piegati nella terra nelle fattorie in Malawi, spiagge piene di spazzatura in Sri Lanka e Cambogia e mozziconi di sigarette sparsi lungo le spiagge australiane .

È straziante ogni volta che li vedo e mi sento impotente di fronte ai governi, le industrie e la gente del posto che non stanno facendo di più per combattere il problema. Mi sento oggi, come se stessimo soffocando sotto il peso della plastica nei nostri oceani e fiumi, foreste e animali.

Mi rendo conto che come viaggiatori, facciamo altrettanto parte del problema. Dall’acqua in bottiglia alle buste di plastica che usi per portare a casa i tuoi snack di quel giorno, siamo tutti altrettanto complici della crescente epidemia di inquinamento da plastica e dobbiamo fare un cambiamento.

Allora è importante apportare enormi cambiamenti positivi al modo in cui utilizziamo la plastica e, sebbene sia comunque una lunga strada, ci sentiamo oggi finalmente come se fossimo in un luogo in cui il nostro consumo di plastica è minimo, sia a casa che quando siamo in viaggio.

Ridurre il consumo di plastica potrebbe sembrare difficile inizialmente, ma siamo qui per dirti che non lo è assolutamente. Infatti, armati di un po’ di conoscenza e della volontà di apportare cambiamenti, puoi cambiare drasticamente il tuo impatto sullo stato del nostro pianeta.

Come viaggiatori desiderosi di vedere la meraviglia e la bellezza del nostro pianeta, speriamo che sarai ispirato a fare questi piccoli passi verso un futuro positivo per il nostro pianeta.

plastic free

Lettura consigliata: Come ridurre l’impatto ambientale durante il viaggio

13 SEMPLICI MODI PER UTILIZZARE MENO PLASTICA IN VIAGGIO

  • DIRE SOLO NO | RIFIUTA I PRODOTTI IN PLASTICA PER I TUOI VIAGGI

Imparare a dire di no alla plastica è il primo passo per ridurre il consumo di plastica nei tuoi viaggi e ti permette di influenzare positivamente chi ti circonda.

Devi optare per un’alternativa, non chiedendo cannuccia / cucchiaio / tazzina per le salse ecc. ecc. E ricordandosi di mettere in valigia un’alternativa per tutte le volte in cui vuoi davvero che quel pasto o caffè sia plastic free.

E’ difficile. Davvero difficile, e talvolta davvero imbarazzante quando dai la tua tazza o la tua borraccia , o dici ” ho il mio sacchetto, grazie!” e qualcuno ti guarda esterrefatto!
A volte significa anche rinunciare a quella bevanda fredda, gelato o pasto da asporto che desideri davvero. Ma fino a quando i produttori non imparano ad avvolgere le cose in involucri non di plastica, è essenziale.

Evita di acquistare prodotti in plastica se possibile, dì no ai sacchetti al supermercato e scegli sempre l’opzione più sostenibile, come imballaggi in vetro o alluminio.

Ove possibile, educa delicatamente chi ti circonda sulle conseguenze negative della plastica. Non ha bisogno di fare prediche, un semplice “no grazie, non mi piace la plastica perché fa male all’ambiente” sarà sufficiente.

Lo fai per un mondo migliore e senza plastica, ricorda questo!

  • SMETTERE DI ACQUISTARE BOTTIGLIE DI PLASTICA E UTILIZZARE UN SISTEMA DI FILTRAZIONE DELL’ACQUA O UNA BOTTIGLIA D’ACQUA RICARICABILE

Se stai acquistando acqua in bottiglia in paesi in cui l’acqua del rubinetto è potabile e pulita e la gestione dei rifiuti sono problemi enormi, allora stai contribuendo al problema.

Immagina questo: sei in una vacanza da sogno di due settimane a Bali, in Indonesia e compri una o due bottiglie d’acqua al giorno e quando hai finito le butti via come si deve, da bravo cittadino responsabile, dimentichi però che sei in un luogo in cui i programmi di riciclaggio sono praticamente inesistenti e i rifiuti sono gestiti in modo estremamente scadente.

Viene bruciata la plastica su mucchi di rifiuti o scaricano il tutto in discariche o sistemi fluviali che sfociano nell’oceano. E alla fine del tuo viaggio, solo tu avrai aggiunto un minimo di 14 bottiglie al problema della plastica nel mondo e nei nostri mari.

| Non c’è assolutamente alcun motivo per un viaggiatore moderno di acquistare acqua in bottiglia durante i suoi viaggi.

Conosco viaggiatori che non ne comprano una da oltre 18 mesi nonostante i viaggi attraverso l’ Asia meridionale , l’ India , il Nepal, lo Sri Lanka , la Turchia e l’Europa orientale. Questo per dimostrarvi che è del tutto possibile smettere di comprare bottiglie di plastica e chiunque può farlo. Da non sottovalutare che risparmierai un mucchio di soldi e anche più di 1.000 bottiglie di plastica.

Di borracce oggi ce ne sono tantissime! Prova queste!

  • RIFIUTARE I SACCHETTI DI PLASTICA E USARE UNA BORSA RIUTILIZZABILE

Ogni anno vengono utilizzati un trilione di sacchetti di plastica in tutto il mondo, se hai mai visitato la Thailandia o il Vietnam, dove la frutta viene avvolta in plastica e messi a loro volta in sacchetti di plastica: griderai AIUTO!

All’inizio di quest’anno, c’era la notizia di una balena è arrivata a riva con 40 kg di sacchetti di plastica nello stomaco . Se questo non ti dice l’entità del problema in tutto il mondo, cos’altro può farlo?

La soluzione del viaggiatore? Un’umile e assolutamente non ingombrante borsa di tela. Sono piccoli, facilmente pieghevoli e possono contenere una quantità sorprendente di roba! Da utilizzare non solo quando vai a fare la spesa, ma anche per separare i panni puliti da quelli sporchi, per mettere alcuni rifiuti da riciclare e gettarli quando avrai trovato il cassonetto giusto.

plastic free
  • ACQUISTA NEI MERCATI LOCALI PER TROVARE PRODOTTI PLASTIC FREE

Esplorare i mercati locali è il nostro passatempo preferito quando viaggiamo. C’è la vorticosa cacofonia di odori, colori e urla così unici in questi luoghi frenetici, il delizioso cibo da strada in offerta e la possibilità di trascorrere del tempo con la gente del posto e conoscere a fondo una destinazione.

Ma c’è anche un altro motivo per cui amiamo fare shopping nei mercati locali: la maggior parte dei prodotti può essere acquistata senza plastica!

A differenza dei corridoi colmi di plastica non necessaria con cui ci troviamo di fronte nella maggior parte dei supermercati, i mercati dei prodotti locali tendono a vendere frutta, verdura e altri prodotti in involucri di carta o direttamente “al naturale” se hanno la loro buccia.

Prendi una borsa (o due) di quelle che hai riutilizzabili e tienile sempre in borsa, per portare a casa tutte le tue chicche. Per le piccole cose, come bacche, peperoncini o fagioli, mettine in borsa sacchetti riutilizzabili piccolissimi oppure dei mini contenitori, per evitare di doverti far dare un sacchetto apposita ( a meno che sia di carta).

Non solo godrai del fatto di fare acquisti plastic free, ma i tuoi sudati guadagni sosterranno direttamente le comunità locali in cui ti trovi, piuttosto che andare direttamente nelle tasche delle grandi aziende.

  • ACQUISTA UNO SPAZZOLINO IN BAMBÙ

Sfortunatamente, gli spazzolini standard dei supermercati o delle farmacie tendono ad essere fatti di plastica, quindi ogni singolo spazzolino che hai usato è ancora da qualche parte su questo pianeta.

Siamo passati agli spazzolini da denti in bambù circa 12 mesi fa e non ci siamo mai pentiti, ovviamente si trovano spazzolini in bambù anche per i più piccoli.
Sono buoni quanto i normali spazzolini da denti, ma all’inizio ci vuole un po’ per abituarsi.
Queste opzioni semplici ed ecologiche sono il modo perfetto per combattere la plastica non necessaria.

Quelli che abbiamo noi sono riciclabili al 100%, vegani, e l’azienda si impegna a utilizzare risorse sostenibili e ad educare all’igiene orale.

Puoi trovare su numerosi siti dei “copri teste”( non so come si chiamano tecnicamente) per gli spazzolini, riutilizzabili mille volte che laverai e disinfetterai di tanto in tanto!
Ricorda che vivere plastic free non significa togliere completamente al 100% ( o almeno non da subito) la plastica nella tua vita, soprattutto se dove vivi tu viene riciclata: ma in viaggio devi riuscirci, perché non tutti i paesi hanno la solita politica di riciclaggio dell’Italia- che è validissima!-.

  • DI ADDIO ALLE CANNUCCE PER SEMPRE, PER FAVORE

Le cannucce di plastica ci fanno infuriare come nient’altro.

Se partecipi ad una giornata di pulizia della spiaggia a casa tua o in una qualsiasi altra parte del mondo, l’elemento numero uno che raccoglierai dalle coste è, senza dubbio, la cannuccia di plastica apparentemente innocua. Abbiamo visto tutti il ​​video virale di una tartaruga, chiaramente dolorante, con una cannuccia conficcata nel naso. È una visione angosciante.

Francamente, se questo non è abbastanza per farti dire “niente cannuccia, per favore” non continuare a leggere quest’articolo.

Quelle cannucce nei tuoi cocktail, noci di cocco e frullati spesso hanno una durata di circa 20 minuti prima di essere gettate nella spazzatura dove rimarranno fino a 450 anni. La cosa pazzesca è che lo vediamo accadere più spesso nei bar e nei caffè che costeggiano le spiagge in tutto il mondo, gli stessi posti che si basano su splendide viste sulla spiaggia e sull’oceano! Paradossale!

E ve lo dice la mamma di un bambino che ama e beve almeno un frullato al giorno!

La verità è che la maggior parte di noi non ha davvero bisogno di cannucce per bere da un bicchiere . Invece dire, “niente cannuccia , per favore” è una semplice affermazione con implicazioni positive di ampia portata sul pianeta.

Meglio ancora, investi in una cannuccia di metallo o bambù e compra un pacchetto di cannucce di metallo che può stare nella tua borsa o zaini, e puoi lavare a casa per poi rimetterli in borsa e utilizzarli ogni volta che ne hai bisogno!

  • SMETTERE DI USARE PRODOTTI MINI, COME LO SHAMPOO O IL BALSAMO PER HOTEL

Amiamo tutti i mini prodotti nelle camere d’albergo.., mentre ora, li guardiamo e rabbrividiamo; sono così dispendiosi e pieni di plastica INUTILE. Così come le tante minuscole bottiglie di articoli da toeletta monouso vengono sprecate negli hotel di tutto il mondo oggi e la maggior parte delle volte, anche se si utilizza solo una minuscola porzione di una bottiglia, l’intera viene buttata via. Dopotutto, a nessun ospite piace l’idea di usare i resti di qualcun altro, giusto?

Salta gli articoli da toeletta in dotazione e portati i tuoi, shampoo e bagnoschiuma solidi nelle loro confezioni apposite.

Se hai bisogno di utilizzare una delle bottiglie dell’hotel ok, ma portala con te per riutilizzarla lungo il viaggio o a casa. Sono particolarmente utili per il bagaglio a mano in aereo dove la quantità massima di liquido è di 100 ml.

  • EVITARE DI USARE UTENSILI E CONTENITORI DI PLASTICA QUANDO SI MANGIA FUORI, USATE IN ALTERNATIVA CONTENITORI PIEGHEVOLI

Nei paesi in cui esiste una forte cultura del cibo di strada, può essere difficile evitare di utilizzare contenitori da asporto monouso, utensili di plastica e borse. Ma non è impossibile però essere plastic free!

Oggi prendiamo i nostri contenitori per alimenti riutilizzabili e chiediamo ai venditori di riempirli. Usiamo anche le nostre posate lavabili e riutilizzabili, piuttosto che prendere una forchetta di plastica dal oro. Certo, è un po’ goffo e leggermente imbarazzante all’inizio, ma per risparmiare plastica non necessaria è importante e ti abituerai subito.

In viaggio, puoi utilizzare questi contenitori per alimenti in silicone riutilizzabili per conservare anche qualsiasi cosa, dai pranzi e alle spezie. Se sei a corto di spazio per imballare, anche i contenitori di plastica pieghevoli sono un’alternativa favolosa: guardali come un investimento!

Per evitare le posate di plastica, porta questo set di posate in bambù!

  • DIMENTICA LE TAZZE DA CAFFÈ IN PLASTICA E USA UNA TAZZA DA CAFFÈ PIEGHEVOLE CHE PUOI AVERE IN BORSA

Un giorno senza caffè è come, beh … un giorno terribile!

Sapevi che le tazze da caffè da asporto a base di carta sono solitamente rivestite con una membrana di plastica? Il che significa che la tazza non è riciclabile insieme ad altra carta o cartone. E ogni anno vengono prodotte più di 500 miliardi di tazze da caffè , ovvero tante tazzine da caffè monouso che finiscono nella spazzatura.

Fortunatamente, ci sono soluzioni: KeepCup e la tazza pieghevole in silicone e in viaggio puoi avere la tua dose di caffè riducendo al minimo il nostro impatto.

In alternativa, come era scritto su un blog americano “fai come fanno gli italiani”, goditi la tua dose di caffè al bar e non portarlo in giro!

  • TRASFORMA LA TUA DOCCIA O LA TUA SKIN CARE IN OPZIONI SENZA PLASTICA

Guarda all’interno dell’armadietto del bagno o della borsa da toilette e presto ti renderai conto che il 99% è plastica. Flaconi per shampoo, spazzolini da denti, spazzole per capelli, rasoi, trucchi: quasi tutto ciò che usiamo per la nostra igiene personale è avvolto o ha uno strato di plastica.

Abbiamo sostituito tutti i nostri articoli da toeletta in plastica monouso con opzioni sostenibili e solide e non ci siamo mai guardati indietro. I nostri articoli da toeletta ora sono anche più piccoli e leggeri, il che è stato un vantaggio inaspettato, soprattutto per noi viaggiatori a lungo termine.

Ecco alcuni degli scambi che abbiamo fatto per una toilettatura plastic free.:

SHAMPOO + BALSAMO
Il nostro cambio di articoli da toeletta preferito è l’umile shampoo solido, che è molthttps://amzn.to/3cYmspPo più pratico che trascinarsi dietro grandi bottiglie di plastica di shampoo e balsamo. Abbiamo comprato il nostro da Lush e siamo innamorati della varietà di profumazioni che hanno, come la cannella. Basta metterli in una lattina e non creano disordine.

In realtà abbiamo scoperto che da quando siamo passati agli shampoo solidi raramente abbiamo bisogno di balsamo, ma abbiamo anche un balsamo solido Lush “Jungle” per ogni evenienza.

Li trovi anche qui!

SAPONI + IDRATANTI
Abbiamo anche scambiato tutti i nostri normali articoli come bagnoschiuma, creme idratanti, prodotti da barba, ecc.tutto nelle versioni solide. La maggior parte di questi li abbiamo acquistati da Lush ma ci sono molte marche.

Ad esempio per lavarsi il viso utilizzo un sapone che tecnicamente non è sapone ma olio d’oliva saponificato con carbone attivo e argilla rosa – che è l’unico detergente per il viso che non ha mai seccato la pelle.

DENTIFRICIO
Passare dal normale tubetto di plastica del dentifricio può sembrare scoraggiante, ma le linguette dentate di Lush (o Bite ) esistono e sono fantastiche.

Sono essenzialmente compresse di dentifricio con una combinazione di ingredienti efficace e priva di fluoro come bicarbonato di sodio, caolino, sale marino, cristalli di mentolo, menta piperita e oli di limone. Sono anche facili da usare, basta mordere il tablet, spazzolare, attendere che si formi la schiuma e ripetere due volte al giorno. Possono anche essere portati in giro senza preoccupazioni.

Ecco un’ idea di dentifricio biologico!

ELIMINA LE SALVIETTE MONOUSO PER STRUCCARTI
Potrebbero essere convenienti, ma le normali salviette sono fatte da una brutta combinazione di poliesteri, fibre di rayon, polipropilene e pasta di legno, molti dei quali non sono biodegradabili, e sono destinati a finire nelle discariche dove ci vorranno anni (o decenni ) per smaltirle.

Utilizza uno struccante o un’ acqua micellare – si trovano anche in contenitori di alluminio o vetro ( ok, se sono nella plastica, hai però un solo prodotto da riciclare quando torni a casa) e utilizza i dischetti lavabili.

In alternativa da LUSH trovi salviettine biodegradabili quindi plastic free,

  • ANCHE NELLA DEPILAZIONE PUOI ESSERE PLASTIC FREE

I rasoi usa e getta sono un problema ancora più grande degli spazzolini da denti, con oltre due miliardi gettati via ogni anno. Sono anche dispendiosi.

Abbiamo investito in un rasoio in metallo da includere nella nostra borsa da viaggio ed è stato un cambiamento brillante.

Potresti pensare che questa soluzione abbia un costo proibitivo e, sicuramente, il costo iniziale di un rasoio di sicurezza in metallo è sostanzialmente più caro, ma il costo nel tempo è molto, molto inferiore, all’acquisto di millemila rasoi di plastica, rendendolo un investimento degno.

  • PASSA A UNA COPPA MESTRUALE

Ragazze, usare una coppetta mestruale come la MoonCup è un modo davvero semplice per ridurre la quantità di rifiuti da assorbenti prodotti da tamponi e salvaslip monouso.

Riducono anche il rischio di TSS (sindrome da shock tossico), il che significa che sono un’alternativa più sana anche per il nostro corpo. Ci sono molti tipi diversi tra cui scegliere, quindi prenditi un po’ di tempo per capire qual è il migliore per te personalmente, ma cerca di evitare imitazioni economiche poiché tendono ad essere più inclini a rotture o perdite.

  • RACCOGLIETE I RIFIUTI OVUNQUE Li VEDETE

Immaginare questo. Stai facendo un’escursione nel tuo parco nazionale preferito, godendoti l’incredibile ambiente naturale quando ti imbatti nella spazzatura di qualcuno gettata sul sentiero, cosa fai? Lo lasci o lo raccogli?

Lo raccogli! E poi ti disinfetti subito le mani!

La scusa che la spazzatura di qualcun altro non è il tuo problema non vale più. È un problema di e per tutti.

Quest’anno abbiamo iniziato a raccogliere la spazzatura in qualsiasi ambiente naturale ci troviamo per una realtà davvero plastic free. Non è piacevole, in effetti è assolutamente orribile, ma è un atto semplice che aiuta in un piccolo modo, e ti consigliamo di fare lo stesso.

Per fare questo, prendi una borsa durante la tua escursione (o riutilizza una busta di plastica che hai a casa) e raccogli la spazzatura che vedi. Quindi, riciclala gettandola come avrebbero dovuto fare i proprietari.

Non ci sono più scuse: se lo vedi, raccoglilo!

plastic free plastic free beach  plastic  free plastic  progetto plastic free  significato di free  free che significa  plasticfree

Sono terminati i miei 13 consigli per un mondo plastic free mentre viaggi: per fortuna, la maggior parte delle persone sta diventando consapevole di ridurre il consumo di plastica a casa. Ma per qualche ragione, tutto quel duro lavoro tende ad essere vano una volta che siamo in viaggio.

Tra l’acquisto di acqua in bottiglia quando siamo preoccupati per l’acqua potabile pulita, le compagnie aeree che servono pasti avvolti in plastica monouso, gli hotel che riempiono le nostre stanze con minuscole bottiglie monouso o dover optare per il cibo avvolto in plastica: viaggiare tende ad aumentare in modo esponenziale il nostro consumo di plastica.

Come viaggiatori, è tempo per noi di fare un passo avanti e iniziare a mettere in discussione cose come bottiglie di plastica, mini bottiglie da toilette, cannucce e tutti quegli oggetti minuscoli e apparentemente insignificanti che si sommano a una quantità disgustosamente grande di rifiuti nei nostri oceani.

È ora che iniziamo a prendere decisioni eco-consapevoli dal momento in cui decidiamo la nostra destinazione, fino al momento in cui torniamo di nuovo a casa.

Lettura consigliata: Il turismo ecosostenibile non è mai stato così green: Up2You

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *